Come Risparmiare sull’Alimentazione e sulla Spesa

Il settore alimentare può offrire grandi occasioni di risparmio per chi ha deciso di economizzare sulla spesa a favore di una vita più semplice e senza sprechi.

Risparmiare sull’alimentazione non vuol dire mangiare di meno o accontentarsi di pasti “approssimativi”; si può fare economia mangiando normalmente, in modo nutriente e salutare, semplicemente facendo gli acquisti in maniera consapevole ed intelligente.

Ecco alcuni consigli per risparmiare sulla spesa:

  • Quando si va in giro per i supermercati, prendere nota di ogni cosa che si acquista, del nome del negozio, del prezzo unitario e del prezzo per confezione; in questo modo, al momento di fare la lista della spesa, sappiamo già dove comprare quel determinato prodotto al prezzo più basso;
  • Programmare i pasti con una o due settimane di anticipo e fare così una lista degli ingredienti da comprare per prepararli;
  • Fissarsi in anticipo un budget da spendere all’interno del supermercato; cercare quindi di non sforare la cifra prevista facendo acquisti non preventivati. Spesso succede che ci lasciamo tentare da acquisti inutili semplicemente perché un prodotto è stato bene esposto nello scaffale;
  • Quando ci sono dei prodotti in offerta farne una bella scorta (soprattutto se non sono deperibili) anche se  li abbiamo già in casa;  le cose prima o poi finiscono e saremo costretti a comprarli ad un prezzo più elevato quando ci serviranno;
  • Quando è possibile, comprare alcuni prodotti sfusi come pasta, caffè, cereali e legumi . Oltre a costare di meno (circa il 40%) hanno anche meno imballaggio da smaltire;
  • Non buttare nulla ma conservare gli avanzi per il giorno seguente. Ciò che può sembrarci uno scarto in realtà può essere la base per una nuova ricetta;
  • Procurarsi i volantini delle offerte di più supermercati per confrontare i prezzi; guardare solo le offerte dei prodotti che ci interessano perché molto spesso siamo tentati di acquistare qualcosa che non utilizziamo solo perché la troviamo in promozione;
  • Non acquistare gli alimenti pronti o i surgelati che vanno solo messi in padella per qualche minuto; non solo costano tantissimo ma sono di gran lunga poco salutari rispetto ad un piatto di pasta al pomodoro fatto con le proprie mani;
  • Comprare le materie prime (farina, latte, zucchero, uova, ecc.) è molto più economico che acquistare il prodotto finito;
  • Controllare sempre il prezzo al chilo di un prodotto, a volte, infatti, acquistare una confezione più grande è più conveniente di una in offerta;
  • Puntare sui prodotti che hanno il marchio del punto vendita, i cosiddetti “private label”, che, al contrario di come molti pensano, spesso sono esattamente identici ai prodotti di marca ma costano di meno perché non pubblicizzati;
  • Evitare i ristoranti; spesso si tende a mangiare fuori per risparmiare tempo ma una bella cena preparata in casa è molto più economica e gratificante;
  • Se è possibile curare un piccolo orticello, oltre ad essere salutare per il corpo e per lo spirito dà anche molte soddisfazioni. Per iniziare potete piantare solo erbe aromatiche sul balcone o se avete abbastanza spazio coltivate un giardino ecosostenibile;
  • Prima di partire per un viaggio preparare a casa un pranzo al sacco per evitare di fare costosi acquisti alimentari durante il tragitto;
  • Acquistare cibi locali, a kilometro zero, costano circa il 30% in meno perché non sono soggetti ai costi di transizione; acquistare frutta e verdura direttamente presso il mercato degli agricoltori o da un’azienda agricola ha effetti positivi sull’economia, sulla salute e anche sull’ambiente;
  • Entrare a far parte di un gruppo di acquisto solidale (G.A.S.);
  • Infine il classico ma sempre valido consiglio di fare la spesa a stomaco pieno; la fame genera stress e ci spinge a comprare più cose del necessario.

Con questi piccoli accorgimenti non solo risparmieremo molto sulla spesa alimentare ma, privilegiando i prodotti locali, o meglio ancora biologici, daremo anche il nostro contributo alla salvaguardia dell’ambiente…che non è poco!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.