La Carruba: il Migliore Sostituto del Cacao

Se come me, amate i cibi sani, avete di sicuro sentito o assaggiato il famoso sostituto del cacao: la carruba.

Anche se con il passare del tempo è stata un po’ dimenticata, la pianta di carrubo (Ceratonia siliqua) e’ stata usata nel Medio Oriente per piu’ di 4.000 anni.

Il carrubo è una pianta sempreverde, molto imponente (raggiunge anche i 10-12 metri di altezza), dotata di una folta chioma verde scuro; ha una crescita lenta e per questo la sua longevita’ è molto alta, può arrivare, infatti, fino a 500 anni. 

La carruba (il frutto del carrubo) si sviluppa in primavera, è di colore verde chiaro e diventa marrone scuro a  maturazione completata (settembre-ottobre). Pur essendo un legume, a differenza delle altre leguminose, contiene in prevalenza carboidrati; il suo sapore molto dolce ricorda quello del cacao, per questo è considerata come il suo migliore sostituto ed è ottima da consumare quando si ha voglia di dolce senza però fare il pieno di grassi e calorie.

Differenze fra le carrube e il cacao

Pur essendo il più valido sostituto del cacao, ci sono delle piccole ma importanti differenze tra i due alimenti. Innanzitutto a differenza del cioccolato e del cacao, le carrube, non contengono caffeina. L’assenza di sostanze psicoattive, come appunto la caffeina e la teobromina rende le carrube ideali soprattutto per chi soffre di allergie o ipersensibilità verso queste sostanze e quindi non può consumare cioccolato.  Le carrube, inoltre, contengono 3 volte piu’ calcio del cacao in polvere.

Proprietà terapeutiche del carrubo

Il Carrubo è una pianta che ha delle proprietà terapeutiche molto pregevoli.

Le parti principali utilizzate sono il frutto (dalla cui polpa si ricava la carruba in polvere) e i semi (da cui si ricava una farina utilizzata come addensante in pasticceria).

La farina di carruba (spesso citata come polvere di carruba) è ottenuta dalla polpa essiccata, tostata e macinata che per aspetto e gusto assomiglia molto al cacao ma è di gran lunga più leggera e può essere utilizzata per preparare dolci light, proprio in sostituzione del cacao.

Questa farina è un prodotto assolutamente naturale (non  contiene conservanti, coloranti, additivi, zucchero) con un alto contenuto di proteine, vitamine A, D, B1, B2, B3 e sali minerali (calcio, magnesio, potassio); è povera di grassi e di sodio ed ha anche una buona percentuale di fibra e di pectina.

E’ molto usata soprattutto per la sua efficace azione antidiarroica: assorbe, infatti, le tossine che causano infezioni intestinali, per cui è utilissima in caso di diarrea e di vomito. Inoltre esercita anche un’azione antisettica sui batteri del tubo intestinale ed un’azione riequilibrante della flora batterica dell’intestino. La cosa più importante è che è senza glutine per questo può essere consumata senza problemi dai celiaci.

La buccia della carruba è ricca di vitamina E, mentre la polpa è nota per le sue proprietà astringenti ed è per questo che è indicata contro la diarrea e per i disturbi intestinali come la gastroenterite.

L’infuso dei frutti è un ottimo emolliente per la gola ma anche per le infiammazioni della pelle; il decotto non filtrato ottenuto dalla farina di carrube è un ottimo astringente antidiarroico, utile soprattutto per la prima infanzia nei casi di infezioni intestinali, gastroenteriti, enteriti e coliti.

Il suo elevato potere di idratazione rende la carruba anche un utile rimedio per il trattamento del colon irritabile e per la preparazione di decotti espettoranti per le vie aeree.

Utilizzi terapeutici

La polpa può essere utilizzata in diversi modi, è importante ricordare che se è fresca agisce come lassativo, al contrario, quando è secca, è un antidiarroico.

Decotto espettorante per le prime vie aeree: in un litro di acqua aggiungete 50 g di carruba in polvere, 50 g di fichi secchi e 50 g di semi di lino: una volta ottenuto il decotto filtrate, dolcificate con miele e bevetene 3-4 tazze al giorno.

Decotto antidiarroico e per il trattamento del colon spastico: preparate un decotto usando 50 g di carruba in polvere in un litro d’acqua, portate a ebollizione e lasciate cuocere per 15 minuti; lasciate riposare per 10 minuti, non filtrare, dolcificate con miele e bevetene 3-4 tazze al giorno. Per i bambini: in caso di diarrea leggera 1 cucchiaino da caffè in 100 ml sciolto in acqua o latte tiepido tre volte al giorno, in caso di diarrea persistente 2 cucchiaini sciolti in acqua tiepida 3 volte al giorno.

Bagno rinfrescante: Per pelli secche, infiammate e sensibili aggiungete 1-2 manciate di farina di semi nell’acqua della vasca per ottenere un effetto rinfrescante e idratante.

Raucedine o infiammazione della gola: preparate un decotto con foglie e radici con cui fare dei frequenti gargarismi più volte al giorno.

Maschera idratante ed emolliente: mescolate un po’ di farina di carrube con mezzo vasetto di yogurt fino ad ottenere una crema non molto densa. Se necessario aggiungete qualche goccia di olio di mandorle dolci o di olio extravergine di oliva. Applicatela sul viso ben pulito e tenetela per 20 minuti. Sciacquate poi con acqua.

Utilizzo della carruba in cucina

La carruba è molto utilizzata dalle industrie alimentari. In commercio si possono trovare biscotti, sciroppi, basi per il gelato, barrette dietetiche e creme spalmabili tutte a base di carruba.

La farina di polpa di carrube (da non confondere con la farina di semi di carrube che è ben diversa) può essere utilizzata in sostituzione del cacao per torte, ciambelle, budini, creme, gelati, marmellate; inoltre, mescolandola con la farina di grano duro si può utilizzare anche nella preparazione di pasta fresca come tagliatelle, gnocchi, ravioli, ecc. Ricetta crema spalmabile con farina di carrube

La farina di semi di carrube (talvolta indicata con la sigla E410), è utilizzata soprattutto nei prodotti dietetici poco calorici, inoltre grazie alla sua capacità di assorbire acqua per 100 volte il suo peso è spesso impiegata come addensante in molti alimenti: gelati, salse, formaggi e prodotti derivati dal latte.

Lo sciroppo di carrube viene utilizzato come aroma per i gelati, bagna per dolci, per bevande alcoliche ed analcoliche, per la produzione di caramelle ed è  impiegato anche nel settore cosmetico.

Dove comprare la carruba?

La carruba purtroppo è un frutto dimenticato, infatti è facile reperirla in commercio solo nei luoghi dove cresce spontaneamente. Con un po’ di fortuna la si può trovare al mercato sui banchi della frutta secca, nelle feste di paese, nei negozi specializzati in sementi e frutta secca o nei negozi di alimentazione biologica. Nelle regioni dove è maggiormente coltivata (Sicilia, Puglia, Sardegna e alcune zone della Campania) la si può acquistare direttamente dalle aziende agricole che spesso la utilizzano come mangime per animali.

Io la compro al mercato, al banco dei prodotti secchi (ceci, fagioli ecc) al prezzo di 6€ al chilo (c’è chi la vende anche a 10€ al kg), ma nelle zone dove cresce spontaneamente la si può trovare a costi molto più bassi. La farina di carrube e di semi di carrube, invece, possono essere acquistate nelle erboristerie più fornite, nei negozi bio oppure on line qui.

Attenti a:

  • I semi: sono durissimi e se non prestate attenzione rischiate di rompervi qualche dente
  • I buchi: Le carrube vengono facilmente attaccate da alcune larve di insetti, se ci sono dei fori sulla polpa basta solo eliminare la zona intorno al foro
  • Il prezzo: molte volte i prezzi al chilogrammo sono esagerati soprattutto nelle zone dove il carrubo non è coltivato
  • L’aspetto: la carruba deve essere abbastanza fresca; al momento dell’acquisto controllate la morbidezza perchè la polpa troppo secca è quasi immangiabile
  • La conservazione: le carrube vanno tenute in un luogo fresco ed asciutto, conservate in sacchetti di plastica ben chiusi.

26 commenti su “La Carruba: il Migliore Sostituto del Cacao

  1. giovanni

    soffro di colon irritabile con tendenza alla diarrea.
    Mi potreste dire gentilmente dove comprare i decotti o sciroppi
    antidiarrotici a base di garruba . Ho 50 anni e vivo nella provincia di bari.
    Grazie in anticipo per la cortese risposta.
    cordiali saluti

    1. Ida Post author

      Ciao Giovanni, vivi in una regione, la Puglia, dove è molto più facile reperire questo frutto. Per il tuo problema ti consiglio di acquistare la farina di POLPA di carrube, da non confondere con la farina di SEMI di carrube che è molto diversa. La puoi trovare nei negozi bio o nelle erboristerie più fornite, a Bari potresti provare da “NaturaSì”, dove è più facile trovarla; l’indirizzo riportato sul loro sito è: Viale Papa Giovanni XXIII N°159 (BA) – telefono: 080 5615645. Una volta acquistata puoi preparare dei decotti facendo bollire 1 litro di acqua e 50 gr. di farina di carrube da bere durante l’arco della giornata. La carruba può essere un aiuto temporaneo per il tuo problema, ti consiglio di curare molto l’alimentazione se vuoi ottenere dei risultati più soddisfacenti e duraturi. Saluti, Ida.

  2. Maria

    Vorrei sapere se posso utilizzare la farina di carrube per la preparazione del gelato, affinchè rimanga più morbido .
    Potreste indicarmi anche la quantità da usare?
    In attesa di una cortese riposta, Vi saluto
    Maria

    1. Ida Post author

      Ciao Maria, per il gelato si usa la farina di SEMI di carrube che è un ottimo addensante ed evita la formazione dei cristalli di ghiaccio. Se ne aggiunge una piccola quantità, circa 3 grammi (mezzo cucchiaino), però dipende dalla quantità degli ingredienti. Sinceramente non ho mai fatto il gelato in casa, ho trovato alcune ricette sul web e tutti consigliano questa farina da usare però in piccolissime dosi. Spero di esserti stata d’aiuto. Ida

  3. giorgio

    salve volevo sapere per fare la base o miscela per gelato quanti grammi ci vuole per un litro di latte? parlo della farina semi di carruba.

    1. Ida Post author

      Ciao Giorgio, per un litro di latte occorre circa un cucchiaino da caffè di farina di semi di carrube, non di più!
      Ida

      1. Marta

        Grazie tante per le informazioni sui semi di carruba. Sono di Modena non li ho trovati ne in erboristeria, ne’ da natura sì, mi puoi aiutare?

        1. Ida Post author

          Ciao Marta, a Modena c’è un negozio molto assortito si chiama “La noce e lo zenzero”, l’indirizzo è: Strada Nazionale per Carpi Centro, 385 – Loc. Ponte Alto. Puoi anche telefonare al numero 059828649 o mandare una mail a nocezenzero@alice.it per chidere se ce l’hanno o se la possono ordinare. Ciao!!

  4. Vittorio

    Lei sa che la farina di semi di carrube presa a cucchiaini mattina e sera per una settimana (si può ripetere a cicli settimanali intervallati da periodi di riposo) è un potente afrodisiaco? Parola del Dott Jonas Elia. Talmente potente c
    he bisogna nascondere la moglie nell’armadio. :)

    1. Ida Post author

      Non lo sapevo Vittorio, grazie per l’informazione, la terrò presente nel caso un giorno mi servisse! Per il momento, fortunatamente, non ne ho ancora bisogno :)

  5. Agrobiologica

    Si vendono ottime carrube bio anche a prezzi inferiori a quelli indicati. Dipende dalle quantità

  6. Davide

    Salve a tutti!!!!!
    Sto cercando di riscoprire le proprietà e i diversi usi di questo magnifico frutto!
    Sono un piccolo artigiano,e mi diletto a preparare un buon cioccolato Modicano genuino e naturalmente bio.
    Inoltre dispongo di carrube,da alberi secolari,appartenenti ai miei nonni.
    Cosi sto sperimentando un pò su come ottenere la polvere,e lo sciroppo di carrube,ottimo emolliente per la gola.
    Se eventualmente siete interessati ad assagiare ed acquistare i miei prodotti contattatemi(piccola produzione casalinga).
    Posso vendervi anche le carrube.
    Grazie un abbraccio!

    1. jb Mirabile-caruso

      Salve Davide,

      sono interessato a comprare 25 chili delle Sue carrube, posto che queste siano bio, assolutamente intere, fresche di quest’anno (2015), sane (senza tarli), e del tutto crude (non processate da qualsiasi calore artificiale).

      Mi faccia sapere. La ringrazio in anticipo e La saluto molto cordialmente.

  7. Ninetta

    Sono di Milano, davanti alla Centrale ci sono i banchetti, uno di questi vende le carrube, io ne prendo sempre, anche se il prezzo è abbastanza alto e mi piace mangiarla così, per strada oppure ora. Sì proprio ora ho finito l’ultimo pezzetto :( adoro mangiarla così non sapevo della farina e delle sue proprietà. Grazie cercherò i negozi che la vendono e come diceva la nonna, non si finisce mai di imparare!

    1. Ida Post author

      Ciao Ninetta, io ho avuto un po’ di difficoltà a reperire la farina di carruba così ho deciso di acquistarla on line qui . E’ ottima soprattutto per i dolci! Saluti, Ida

  8. Antonio

    Dal PRODUTTORE al CONSUMATORE,
    Salve a tutti, mi chiamo Antonio ho 22 anni e sono un agricoltore siciliano. Da 5 anni a questa parte gestisco personalmente l’attivita’ di raccolta e pulitura della carrube. Per i diretti interessati che non riescono a reperire facilmente questo frutto, dagli innumerevoli benefici visti sopra, sarei entusiasta di aiutarle dato che da qualche anno a questa parte mi occupo pure della loro commercializzazione non solo a livello locale ma anche nazionale.

    antonio.pernagallo@hotmail.it

    Questo e’ il mio contatto per qualsiasi info non esitante a chiedere,
    Un saluto a tutti

  9. MIRANGELA

    TROVO DAVVERO MOLTO INTERESSANTI QUESTI ARTICOLI CHE CI DANNO INFORMAZIONI SU COME USARE IL CIBO PER STARE BENE IN SALUTE. IO NEL MIO PICCOLO MI OCCUPO ANCHE DI ESTETICA MI PIACEREBBE LEGGERE ANCHE QUALCOSA SULLA CURA DEL CORPO USANDO SEMPRE PRODOTTI NATURALI.GRAZIE.

    1. Ida Post author

      Grazie del commento Mariangela! Chissà forse in futuro Vita Libera si occuperà anche di prodotti naturali per la cura del corpo… Nel frattempo puoi sfogliare la categoria “Alimentazione e Benessere” per leggere altri articoli sull’argomento.
      Un caro saluto, Ida

  10. concetto

    Ciao, sono di NOTO, nei pressi della mia città esiste una industria x la lavorazione della carruba e sentire che viene venduta anche a 10 euro e’ veramente da criminali. Dalle mie parti viene venduta all’ingrosso a 30 centesimi al kg

    1. Ida Post author

      Ciao Concetto, in alcune zone non è facile trovarla per questo il prezzo è così alto ma in effetti la differenza è davvero tanta! 30 cent a kg sembra un sogno :) Il minimo a cui l’ho acquistata io è 7 €!

  11. maria lucia

    buongiorno mi hanno regalato tante carrube secche, impossibile a mangiarle, come posso cucinarle? aiutooooo

  12. Lidia

    Salve …io possiedo un bellissimo carrubo, mi sapreste indicare il procedimento per fare la farina da me ?
    Grazie mille.

  13. graziella

    Buonasera vorrei sapere dove trovare i rivenditori a Como e provincia del cioccolato alla carruba. Buonissimo !!.GRAZIE.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.